Follow me:

Cosa determina il prezzo di un oggetto di design?

 

Spesso mi viene chiesto per quale motivo gli oggetti di design sono così costosi.

Ammetto che anche io una volta me lo chiedevo, ma studiando e facendo ricerche sono arrivata a comprenderne il motivo.

Siamo abituati ad entrare in un negozio, vedere un oggetto e fermarci alla sua funzione, chiedendoci per quale motivo dovremmo sborsare 300/700 euro per una semplice sedia.

La risposta è che nemmeno una sedia, per quanto semplice, è facile da progettare.

Per comprenderne appieno il valore dobbiamo conoscerne la storia.

 

Questa è la CH24 di Hans J. Wegner, conosciuta anche come Y chair o Wishbone chair. E’ in produzione dal 1950 ed è ancora uno dei pezzi più venduti di design dell’epoca.

E’ prodotta con legno proveniente da foreste danesi gestite in modo sostenibile, principalmente quercia, faggio e frassino, e la seduta è costituita da cavi di carta molto resistente.

 

La parte superiore dello schienale, piegata a vapore, è avvolgente e confortevole, mentre la seduta è realizzata a mano da un operaio con 120 metri di corda.

La realizzazione di questa sedia richiede oltre 100 operazioni manuali.

Prima di arrivare alla produzione però c’è la parte progettuale. 

Il designer ha compiuto un percorso di studi per acquisire le competenze necessarie alla progettazione di questo oggetto, a volte ci vogliono anni prima di arrivare al progetto finale.

Poi bisogna studiare e selezionare i materiali adatti e il miglior metodo di realizzazione.

Questo tipo di prodotti spesso richiede l’intervento dell’uomo. Si parla quindi di un lavoro artigianale e non di una catena di montaggio.

Tutto questo per arrivare ad un oggetto bello e sopratutto utile, che sopravvive al passare del tempo e delle mode.

 

Wegner diceva “Una sedia è terminata solo quando qualcuno ci si siede sopra”.

 

Tra tutti gli oggetti costosi e prodotti in serie che acquistiamo ogni giorno, forse dovremmo imparare a dare più valore all’artigianalità, riconoscendo il lavoro che c’è dietro, e magari un giorno regalare a noi stessi e alla nostra casa un pezzo di design.

Share
Previous Post

You may also like